Saluto del nuovo Presidente

Cari Consoci e cari Amici,
in qualità di nuovo presidente della Società Tiburtina di Storia e d’Arte rivolgo il mio più cordiale saluto a tutti voi.
Ancora rattristati per la dolorosa perdita del prof. Vincenzo Pacifici, abbiamo deciso di dare un segno immediato di continuità e di ripresa: continuità di una tradizione fatta di serietà e di rigore scientifico nella ricerca storica, come dimostrano gli studi apparsi nei novantacinque volumi degli “Atti e Memorie” pubblicati sino ad oggi.
Questi contributi – come scriveva il prof. Pacifici nell’editoriale in apertura del vol. LXXXV (2012) – sono stati sempre il frutto di “impostazioni di ricerca minuziose e mai minute, capillari e mai parcellizzate, puntuali e mai generiche, tradizionali e mai campanilistiche”. Nella loro preparazione, inoltre, non sono state mai dimenticate le indicazioni fornite dal fondatore Vincenzo Pacifici nel 1933 e ribadite da Giuseppe Petrocchi nel 1951, all’atto della ripresa delle pubblicazioni dopo la sospensione bellica: non soffermarsi sulla cronaca locale (oggi diremmo sui “localismi”) ma cercare negli argomenti trattati i riferimenti ad ambiti più vasti di storia nazionale.
Sono sicuro che la nomina, decisa dal Consiglio direttivo, del dott. Zaccaria Mari a direttore delle pubblicazioni sociali costituirà la più solida garanzia per il mantenimento e, anzi, l’incremento del valore scientifico e culturale degli studi editi dalla Società.
Non dobbiamo mai ignorare, tuttavia, la celebre affermazione di Gustav Mahler, più volte ripresa da vari studiosi anche a proposito della ricerca storica: “La tradizione è custodire il fuoco, non adorare le ceneri”. Il fuoco è la passione che ci deve animare nella ricostruzione del passato, abbandonando però quanto di caduco può essere presente nella conservazione di tradizioni ormai prive di valore. Proprio per questo l’azione del nostro sodalizio deve tener conto della mutata realtà sociale e culturale con la quale dobbiamo confrontarci, anche in considerazione del periodo difficile che abbiamo vissuto a causa della pandemia. È quindi nostra intenzione far sì che la ripresa, di cui ho parlato all’inizio di questo mio saluto, sia caratterizzata da una maggiore apertura verso la società che ci circonda, per raggiungere potenziali utenti che siano interessati al nostro messaggio culturale, presentato naturalmente in chiave moderna come fanno del resto istituzioni ben più antiche della nostra (basti pensare a quelle della Santa Sede).
Accanto al sito web già in essere, che sarà naturalmente potenziato e per il quale ringrazio il prof. Maurizio De Angelis, dovremo quindi sfruttare le possibilità che ci sono offerte dai “social network”. A tale riguardo, dopo la pausa estiva apriremo la pagina Facebook della Società Tiburtina, dove i soci e i simpatizzanti potranno farci pervenire sollecitazioni di più immediato recepimento, rispettando minimi standard di continenza formale. Questa pagina potrà essere utilizzata anche per trasmettere in “streaming” le conferenze che vogliamo rilanciare, in modo che possano raggiungere il maggior numero di interessati. Nel fare ciò seguiremo l’esempio di istituti culturali dalle finalità analoghe alle nostre, come la Società Romana di Storia Patria e l’Istituto Nazionale di Studi Romani.
Dato però che – a quanto sembra – Facebook viene ormai trascurato dal pubblico giovanile, apriremo anche una pagina Instagram, dove potranno essere pubblicati “post” e immagini, naturalmente di contenuto culturale, per favorire l’interazione sociale, anche in questo rifacendoci a precedenti illustri come quelli della Società Romana già citata e dell’Unione Internazionale degli Istituti di Archeologia, Storia e Storia dell’Arte in Roma. In questo modo potremo far sì che la Società Tiburtina di Storia e d’Arte sia una realtà viva, quotidianamente presente nel dibattito culturale della città di Tivoli e del territorio circostante, come già si augurava negli anni ’70 del secolo scorso, con notevole preveggenza, l’indimenticabile prof. Camillo Pierattini.
Non dobbiamo trascurare altresì i risultati lusinghieri ottenuti in questi ultimi anni con la ripresa del “Premio Bulgarini per la storia di Tivoli”, che mira a far conoscere la realtà storica, monumentale e paesaggistica della nostra città agli alunni delle classi quinte della Scuola primaria, alcuni dei quali potrebbero rappresentare il primo nucleo di un raggruppamento giovanile da costituire in seno alla Società. È perciò doveroso ringraziare i membri del Comitato scientifico del Premio, i nostri consiglieri proff. Roberto Borgia e Adriano Genga, oltre al prof. Pietro Candido e al consocio ing. Gianni Andrei, senza dimenticare naturalmente l’apporto concreto fornito dalla famiglia Bulgarini.
Per ottenere i risultati che ho cercato di indicare dovremo però affrontare e cercare di risolvere problemi pressanti come quello della sede sociale, ormai chiusa da troppo tempo, prima a causa della pandemia, poi di infiltrazioni di umidità particolarmente gravi. Nelle prossime settimane, quindi, prenderemo contatto con la segreteria del Sindaco, prof. Giuseppe Proietti, che ci ha sempre dimostrato una particolare attenzione, anche in qualità di nostro Consigliere onorario, e con quella del Vescovo, mons. Mauro Parmeggiani, che in più occasioni ci è stato vicino, ad esempio nell’accogliere una parte della nostra biblioteca sociale nei locali dell’ex Seminario.
La disponibilità di una sede stabile e ospitale potrebbe consentirci di potenziare le attività di relazione con i Soci e i simpatizzanti, assicurando loro, ad esempio, un maggior numero di ore di apertura della biblioteca che – è opportuno ricordarlo – in passato era largamente utilizzata dagli studenti universitari del territorio per le ricerche finalizzate alla preparazione delle loro tesi di laurea o di specializzazione, per le quali altrimenti sarebbero stati costretti a rivolgersi altrove.
L’incremento della biblioteca ci consentirebbe di essere inseriti nell’Albo regionale degli Istituti culturali del Lazio, del quale fanno già parte associazioni con le quali abbiamo sempre avuto stretti contatti, come la Società Tarquiniense d’Arte e Storia, l’Ente Ottava Medievale di Orte e l’Istituto di Storia e di Arte del Lazio meridionale, con sede ad Anagni. Ciò comporterebbe ricadute positive anche sulla situazione finanziaria del nostro Sodalizio, che è stata sempre attentamente seguita dall’economo avv. Massimo Ferrari, che ringrazio vivamente. Tale situazione, al momento – vi possiamo assicurare – si presenta comunque tranquilizzante, come avrete modo di constatare nella prossima Assemblea dei Soci.
Un ulteriore passo sarebbe quello di presentare domanda al Ministero della Cultura per essere inclusi tra le Istituzioni culturali ammesse al contributo ordinario annuale dello Stato per il prossimo triennio (2024-2026). Può apparire una scadenza lontana ma, data la particolare complessità delle procedure amministrative da seguire, è opportuno affrontarla con sufficiente anticipo.
È un programma impegnativo quello che attende il nuovo Consiglio direttivo della Società Tiburtina di Storia e d’Arte, ma sono sicuro che riusciremo ad affrontarlo con il contributo della vicepresidente, prof.ssa Anna Maria Panattoni, e dei consiglieri tutti, a cominciare da quello del nostro Presidente onorario prof. Cairoli Fulvio Giuliani, accademico dei Lincei. Le legittime diversità di opinioni, a mio giudizio, non devono costituire motivo di divisione ma, piuttosto, una fonte di ricchezza per gli organi direttivi del nostro Sodalizio, perché solo dal confronto tra punti di vista differenti possono scaturire decisioni condivise. Come scriveva nel citato editoriale il prof. Pacifici, considero anch’io tutti i consiglieri, vecchi e nuovi, “amici veri e leali”, e sono quindi sicuro che collaboreranno con me alla ripresa della Società.
Il nostro operato risulterebbe però insufficiente se non fossimo sostenuti dall’apporto dei Soci, ai quali rivolgiamo un caldo appello perché supportino concretamente la nostra attività. Ci auguriamo inoltre che i Soci stessi, sfruttando anche le nuove possibilità di comunicazione che saranno loro offerte, ci facciano pervenire le loro proposte e le loro critiche costruttive, per intraprendere insieme il nuovo e impegnativo cammino che ci attende all’inizio del secondo secolo di vita della Società Tiburtina di Storia e d’Arte.
Ad maiora!

FRANCESCO FERRUTI


ELEZIONI DELLE CARICHE SOCIALI

Il giorno 17 giugno 2022, nella sala riunioni del Museo Civico di Tivoli, il nuovo Consiglio Direttivo ha proceduto all’attribuzione degli incarichi sociali per il triennio 2022-2025.
Presenti 11 consiglieri con diritto di voto: Alessandrini, Borgia, Candido, Duranti, Ferrari, Ferruti, Giuliani, Mari, Panattoni, Placidi, Vecchi.
Dalla votazione per la carica di presidente sono risultati:
Prof. Francesco Ferruti – voti 6
Prof.ssa Anna Maria Panattoni – voti 5
Dalla votazione per la carica di vicepresidente sono risultati:
Prof.ssa Anna Maria Panattoni – voti 6
Prof. Pietro Candido – voti 3
Dott. Zaccaria Mari – voti 2
Vengono inoltre attribuite le seguenti ulteriori cariche:
Segretari: Prof. Pietro Candido – Prof. Adriano Genga
Economo: Avv. Massimo Ferrari
Consiglieri con funzione di controllo amministrativo: Avv. Andrea Alessandrini – Prof. Roberto Borgia
Direttore delle pubblicazioni sociali: Dott. Zaccaria Mari
Addetti alle pubbliche relazioni: Dott. Carlo Placidi – Dott. Ernesto Duranti


RINNOVO DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Il giorno 28 maggio 2022, si è svolta, presso il Complesso dell’Annunziata, l’Assemblea dei Soci della Società Tiburtina di Storia e d’Arte. Dopo la commemorazione del Prof. Vincenzo Pacifici, affidata al ricordo della prof.ssa Anna Maria Panattoni e del Sindaco di Tivoli Dott. Giuseppe Proietti, si è proceduto all’elezione del Consiglio Direttivo per il triennio 2022 – 2025.
Dalle votazioni sono risultati:
Votanti 103

Consiglieri eletti:
Prof.ssa Anna Maria Panattoni – voti 94
Dott. Zaccaria Mari – voti 93
Prof. Adriano Genga – voti 92
Prof. Pietro Candido – voti 90
Prof. Francesco Ferruti – voti 89
Dott. Claudio Vecchi – voti 89
Dott. Ernesto Duranti – voti 88
Avv. Massimo Ferrari – voti 88
Dott. Carlo Placidi – voti 88
Prof. Roberto Borgia – voti 85
Avv. Andrea Alessandrini – voti 38

Non eletti:
Arch. Giuseppe Petrocchi – voti 23
Carmine Di Faustino – voti 21
Tertulliano Bonamoneta – voti 20
Dott.ssa Valentina Cipollari – voti 20
Dott.ssa Maria Antonietta Coccanari de Fornari – voti 19
Dott.ssa Fabiana Marino – voti 8
Dott.ssa Stefania Scotti – voti 6
Ing. Gianni Andrei – voti 5
Prof. Alcibiade Boratto – voti 4
Pierluigi Garberini – voti 4
Michele Caporossi – voti 3
Dott. Giancarlo Rosati – voti 3
Arch. Marco Pistolesi – voti 2
Prof.ssa Ramona Angelini – voti 1
Dott. Orazio Falcone – voti 1
Dott. Mario Marino – voti 1
Dott. Michele Minelli – voti 1
Dott. Massimo Petrocchi – voti 1
Prof.ssa Lucrezia Rubini – voti 1
Prof. Franco Sciarretta – voti 1


Si comunica sabato 28 maggio 2022, alle ore 17:00, presso l’ex-Chiesa dell’Annunziata, è convocata, in presenza, l’Assemblea dei Soci per il rinnovo delle cariche all’interno del Consiglio Direttivo della Società.
Tutti i soci riceveranno nei prossimi giorni la convocazione ufficiale in cui verranno indicate la sede dell’incontro e la scheda elettorale per l’espressione del voto.


CERIMONIA DI PREMIAZIONE DEL PREMIO “FRANCESCO BULGARINI”
11 maggio 2022


Il Consiglio Direttivo e i Soci della Società Tiburtina di Storia e d’Arte esprimono il proprio dolore per l’improvvisa scomparsa del

Prof. Vincenzo G. Pacifici

uomo di alti valori e profonda cultura, Presidente di questo sodalizio.
La Società si stringe nel dolore alla consorte
prof.ssa Cinzia e ai figli Carlo e Guglielmo.


 Ultimi Articoli

Mostra “Le grandi Ville romane”

Dopo il lungo periodo di chiusura e di lontananza dal pubblico dovuto all’esigenza di rispettare tutte le prescrizioni necessarie per … Continua la lettura di Mostra “Le grandi Ville romane”

Riconoscimento scientifico al Presidente della STSA

Un significativo riconoscimento scientifico è stato tributato dalla Società Romana di Storia Patria al presidente della Società prof. Vincenzo Pacifici … Continua la lettura di Riconoscimento scientifico al Presidente della STSA

Grande successo della visita guidata alla Tibur sotterranea

Con la visita guidata “Alla scoperta della Tibur sotterranea: tra vecchi e nuovi scavi” la Società Tiburtina di Storia e … Continua la lettura di Grande successo della visita guidata alla Tibur sotterranea

Pubblicato il quinto libro dell’opera di Marco Antonio Nicodemi (secolo XVI)

Pubblicato il quinto libro dell’opera di Marco Antonio Nicodemi (sec. XVI) in ristampa anastatica con traduzione a fronte Finalmente il … Continua la lettura di Pubblicato il quinto libro dell’opera di Marco Antonio Nicodemi (secolo XVI)

Alla scoperta della “Tibur” sotterranea: tra vecchi e nuovi scavi

Sabato 29 maggio 2021, ore 16:00 Appuntamento in Piazza del Duomo Visita riservata a un massimo di 25 persone Prenotazioni … Continua la lettura di Alla scoperta della “Tibur” sotterranea: tra vecchi e nuovi scavi

Centenario della nascita di Don Lorenzo Ciccotti

Nella ricorrenza del centenario della nascita di Don Lorenzo Ciccotti, già socio della Società Tiburtina di Storia e d’Arte, il … Continua la lettura di Centenario della nascita di Don Lorenzo Ciccotti

Aggiornamenti su Piranesi

Pubblichiamo alcuni aggiornamenti sulle iniziative dedicate a Piranesi nel terzo centenario della nascita, avvenuta a Venezia il 4 ottobre 1720.Le … Continua la lettura di Aggiornamenti su Piranesi

Abbazia di S. Giovanni in Argentella: grande successo delle visite guidate

Si sono svolte con successo, nonostante le avverse condizioni atmosferiche, le viste guidate a S. Giovanni in Argentella, organizzate sabato … Continua la lettura di Abbazia di S. Giovanni in Argentella: grande successo delle visite guidate