Caricamento Eventi

« Tutti gli eventi

Chiesta l’apertura di un tavolo tecnico per l’abbattimento del muro di Ponte Lucano e prima riunione del tavolo interistituzionale

giugno 27 @ 7:55 - settembre 30 @ 17:00

MURO DI PONTE LUCANO, PRONTA UNA PROPOSTA DI SOLUZIONE PER L’ABBATTIMENTO. IL COMUNE DI TIVOLI CHIEDE L’APERTURA DI UN TAVOLO TECNICO CON REGIONE LAZIO, ARDIS E SOPRINTENDENZA.

L’abbattimento del muro, la cui funzione sarebbe sostituita con sistemi passivi da arginatura dinamica; la pulizia delle sponde e il dragaggio del fiume; un sistema di monitoraggio e allertamento in caso di piena. E’, in estrema sintesi, la soluzione proposta dal professor Lucio Ubertini, uno dei massimi esperti in Italia della materia, incaricato dal Comune di Tivoli  di realizzare uno studio di fattibilità per la demolizione del muro di Ponte Lucano e per la realizzazione delle relative opere sostitutive per la salvaguardia dei cittadini e del costruito.
Nello studio, di oltre 80 pagine, il professor Ubertini propone tre diverse opzioni per i sistemi di arginatura dinamica: l’installazione di paratie semovibili, autodrenanti e auto retrattili, incassate al suolo e a sollevamento automatico in caso di allarme (nella foto un esempio); barriere arginali removibili smontabili e riutilizzabili; ture gonfiabili che formano argini temporanei di pronto impiego e facilmente portatili, da posare senza l’ausilio di strutture fisse.
Il costo degli interventi preliminari, demolizione del muro compresa, è stimato in circa 600mila euro ai quali dovrebbero essere aggiunti quelli della struttura di arginazione dinamica scelta.
“L’abbattimento del muro continua ad essere una priorità per questa amministrazione comunale – ha dichiarato il sindaco Giuseppe Proietti – e mi auguro che lo sia anche per la Regione Lazio e per l’Ardis che, secondo il protocollo di intesa firmato nel 2005, mai attuato, dovrebbero farsi carico dei finanziamenti per gli interventi. Per questo chiediamo con urgenza l’istituzione di un tavolo tecnico con tutti gli enti superiori coinvolti”.
Nel frattempo è in fase di ultimazione l’intervento, finanziato dal Comune di Tivoli, per la sistemazione dell’area esterna e per la copertura provvisoria del muro. L’area continuerà ad essere mantenuta dalle squadre comunali dedicate al verde pubblico attive grazie ai progetti dei  tirocini risocializzanti.
Infine è in fase di aggiudicazione la gara d’appalto per i lavori di restauro e riqualificazione del Mausoleo dei Plautii, finanziati dal Mibact per 2,3 milioni di euro. In basso: argine semovibile. (dall’Ufficio Stampa del Comune di Tivoli)

argine_semovibilePonte_Lucano_da_XL

dall’Ufficio stampa del Comune di Tivoli:
“MURO DI PONTE LUCANO, IERI LA PRIMA RIUNIONE DEL TAVOLO INTERISTITUZIONALE. AL LAVORO PER AVVIARE LA PRIMA FASE DEGLI INTERVENTI. NOVITA’ ANCHE PER IL NUOVO COLLETTORE DELLE ACQUE METEORICHE.

Si è svolta ieri a Palazzo San Bernardino la prima riunione del tavolo tecnico interistituzionale per il Muro di Ponte Lucano, convocato dal sindaco Giuseppe Proietti e dal presidente del consiglio comunale Maria Rosaria Cecchetti, a seguito della conclusione dello studio di fattibilità prodotto dal professor Lucio Ubertini (comunicato precedente al seguente link http://www.comune.tivoli.rm.it/node/3004 ).
All’incontro hanno partecipato i rappresentanti di Acea Ato 2, della Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio del Mibact, dell’istituto Villa Adriana-Villa d’Este, dell’Autorità di bacino del Tevere, della Protezione civile regionale, oltre ad assessori, consiglieri e funzionari del Comune di Tivoli. Non erano presenti rappresentanti della Regione Lazio, invitati alla riunione.“Continuiamo a lavorare, come abbiamo fatto dall’inizio del mandato, con l’obiettivo di definire in modo concreto tutte le criticità che si sono create con la costruzione del muro – ha dichiarato la presidente Cecchetti – tenendo ben presente sia l’esigenza di garantire l’incolumità pubblica sia la necessità di tutelare e rendere finalmente fruibile l’area monumentale e più in generale i beni pubblici e privati che si trovano nell’area di Ponte Lucano. Con l’incontro di ieri abbiamo posto le basi per entrare nella fase operativa e abbiamo riscontrato che tutti gli enti hanno espresso la volontà di collaborare. Ci auguriamo che anche la Regione Lazio, che attraverso Ardis nel 2005 si era impegnata con un protocollo di intesa a mettere a disposizione gran parte dei fondi necessari, partecipi attivamente ai lavori del tavolo, fin dalla prossima riunione che convocheremo per il mese di settembre”.
In attesa dei riscontri della Regione Lazio, all’incontro di ieri si è concordato di lavorare prima di tutto per avviare la prima fase degli interventi contenuti nello studio di fattibilità, cioè la redazione dei rilievi di dettaglio dell’area, la manutenzione straordinaria delle sponde e il dragaggio del fiume.
Concreti passi in avanti sono stati fatti anche per la risoluzione del problema dei frequenti allagamenti dell’area di Ponte Lucano a ridosso del muro, provocati dalla combinazione tra l’insufficiente sistema di raccolta delle acque meteoriche e la barriera del muro, che impedisce alle acque piovane di defluire verso il fiume Aniene, come avveniva prima della costruzione del muro stesso. A tal proposito, Acea Ato 2 ha presentato al Comune di Tivoli il progetto definitivo per la realizzazione del nuovo collettore di raccolta delle acque meteoriche dell’abitato di Villa Adriana, che dovrebbe risolvere il problema degli allagamenti. L’amministrazione comunale si è impegnata ad istruire ed approvare in Consiglio, entro il prossimo mese di settembre, la variante al piano regolatore necessaria all’avvio dei lavori.

Tivoli, 27 luglio 2017″

Dettagli

Inizio:
giugno 27 @ 7:55
End:
settembre 30 @ 17:00