Arianna1

Un eccezionale reperto in consegna permanente a Villa d’Este. La cronaca e le foto.

 

Due, una sola: Arianna
Evento
Villa d’Este
Lunedì, 15 luglio
ore 17.30

L’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este – Villae comunica che lunedì 15 luglio 2019 alle ore 17.30 nel chiostro di Villa d’Este, alla presenza del direttore Andrea Bruciati, si celebra la cerimonia di consegna permanente di un’opera di importantissimo valore storico, artistico e culturale di II sec. d.C., un coperchio di sarcofago del tipo a kline (a forma di letto) in marmo di Luni,con defunta semisdraiata raffigurata nel sonno eterno secondo lo schema dell’Arianna dormiente.
Oggetto di scavo clandestino nei dintorni di Roma, il pezzo è uscito illegalmente dal territorio italiano ed è stato acquistato sul mercato internazionale per 4,5 milioni di dollari. Recuperato con l’operazione Bella Addormentata, in collaborazione investigativa tra i carabinieri del TPC (Tutela Patrimonio Culturale ) e l’Homeland Security Investigation – Immigration and Customs Enforcement (agenzia federale statunitense), è stato formalmente restituito all’Italia nel 2015.
“La figura della defunta, semidistesa, con gli occhi chiusi e un’espressione serena – commenta la dott.ssa Benedetta Adembri, funzionario archeologo delle Villae – è colta nella quiete della morte, quasi come se dormisse. L’atmosfera sospesa che emana dalla scultura, sottolineata da un molle abbandono che sembra esprimere la sensazione di attesa del risveglio, deriva dall’utilizzo di uno schema compositivo che permette la trasposizione dell’evento reale sul piano mitico: il soggetto è infatti ritratto nella posa di
Arianna, personaggio raffigurato anche in alcuni rilievi provenienti da Villa Adriana.”
“Il soggetto – prosegue il direttore delle Villae Andrea Bruciati – rappresenta un paradigma: la defunta raffigurata come Arianna, abbandonata durante il sonno nell’isola di Nasso da Teseo, cui aveva prestato il proprio aiuto contro il Minotauro, acquisisce uno status in qualche modo divino e la possibilità di una nuova vita nei Campi Elisi. L’opera scioglie nel sonno di Arianna gli aspetti più dolorosi della morte, trascinando nella dimensione del mito, con la sua densità di significati, l’esperienza umana.”
Nella logica del progetto Eva vs Eva, l’adozione di Arianna rappresenta inoltre un’azione estremamente importante perché convalida il dialogo silenzioso e complice fra due
statue femminili, la cosiddetta Venere dormiente della fontana del chiostro e la stessa Arianna, rispecchiate nella medesima iconografia. La simmetria spaziale fra le interlocutrici e il nuovo asse visivo ridefiniscono così da un punto di vista museografico il chiostro della Villa, che assurge ora a dispositivo focale dal grande interesse antiquario e botanico, divenendo snodo primario del rinnovato percorso di visita.
Info:
benedetta.adembri@beniculturali.it
va@beniculturali.it
Ingresso libero, sino ad esaurimento posti

 

Arianna1………………………………………….

LA CRONACA DELLA CERIMONIA

(testo e foto dalla pagina Facebook del NOTIZIARIO TIBURTINO. Le foto sono state scattate dalla prof.ssa Anna Maria Panattoni)

 

Villa d’Este – Da stasera 15 luglio 2019 ufficialmente entra a buon diritto nell’allestimento museale del Chiostro della residenza del Cardinale Ippolito II il coperchio di sarcofago in marmo di Luni (II sec. d.C.) recuperato dal Comando Tutela Patrimonio Culturale dell’Arma dei Carabinieri con la collaborazione investigativa dell’Homeland Security Investigation – Immigration and Customs Enforcement, agenzia federale statunitense.
Oggetto di scavo clandestino nei dintorni di Roma, il reperto era uscito illegalmente dal territorio italiano ed era stato acquistato sul mercato internazionale per 4,5 milioni di dollari. Recuperato con l’operazione “Bella addormentata” è stato formalmente restituito all’Italia nel 2015 ed è giunto cinque giorni fa a Tivoli per essere collocato, come in antico, in uno dei più bei contenitori d’Arte qual è la Villa d’Este.
Ora dialoga virtualmente con l’altra figura femminile posizionata nel Chiostro.

Soddisfazione è stata espressa dal Generale di Brigata Fabrizio Parrulli, comandante del Reparto TPC dei Carabinieri che ha ricordato anche i 50 anni del prezioso Impegno dell’Arma nel recupero delle opere d’arte, e dal Direttore dell’Istituto autonomo VA- VE, dott. Andrea Bruciati, pronto a rivisitare, anche dal punto di vista della collocazione delle essenze vegetali, l’assetto del Chiostro della dimora estense.