Pubblicato il “Vocabolario cerretano” di Sebastiano Di Valeriano

Anche Cerreto Laziale, ridente paesino della Valle del Giovenzano, ha visto codificare finalmente il suo dialetto, grazie al libro “Vocabolario cerretano”. L’opera porta la firma di Sebastiano Di Valeriano, per molti anni insegnante di materie letterarie in scuole di Roma e provincia e poi dal 1992 dirigente scolastico fino al 2012, anno del suo pensionamento. Proprio la possibilità di avere più tempo per dedicarsi a studi e riflessioni, l’ha ispirato a mettere sulla carta  questo vocabolario sul dialetto del suo paese natale. Il volume, ricco di ben 112 pagine, ha come premessa le note grammaticali, seguono poi le varie parole in ordine alfabetico con esempi, proverbi, detti e filastrocche che fanno meglio comprendere l’ambito in cui la parola è utilizzata. In appendice undici tavole di Tiziano Macera (al quale si deve pure il disegno della copertina) che illustrano alcune parole presenti nel vocabolario. Questo l’auspicio dell’autore: “Spero che queste poche pagine siano una spinta alla riscoperta del nostro dialetto, non per negare i tempi correnti o l’Italiano (ci mancherebbe altro!), ma per non cancellare il passato dei nostri padri e perché siano di spinta per capire il presente globalizzato e, se possibile, preparare un futuro migliore”. Il volume è disponibile presso l’autore a Cerreto Laziale oppure presso la Società Tiburtina di Storia e d’Arte. Il volume può essere consultato anche presso la Biblioteca Maria Coccanari Fornari in piazza del tempio d’Ercole a Tivoli.

Copertina_Vocabolario_cerretano_2018