Archivi del mese: novembre 2018

La Soprintendenza richiede la figura di un “archeologo” come direttore del Museo “Rodolfo Lanciani” di Guidonia Montecelio

 

MUSEO “RODOLFO LANCIANI” di Guidonia Montecelio

 LA SOPRINTENDENZA RICHIEDE LA FIGURA

DI UN “ARCHEOLOGO” COME DIRETTORE

Porta la data del 22 novembre 2018 la pubblicazione sul sito del Comune di Guidonia Montecelio di uno stralcio della procedura per l’identificazione del Direttore del Museo Civico Archeologico “R. Lanciani” di Guidonia Montecelio.

La polemica è alta viste le procedure per l’individuazione della figura richiesta e le modalità di nomina di un Direttore “non archeologo” per un posto che prevede specifiche competenze in materia di Archeologia. La Soprintendenza infatti è stata esclusa sia dalle fasi di formulazione del bando di individuazione sia dalla composizione della commissione esaminatrice, procedura rispondente alla “leale collaborazione tra amministrazioni pubbliche” e comunemente applicata in tutti i casi di gestione dei Musei civici.

Non va dimenticato che il Museo “Lanciani”, a vocazione esclusivamente archeologica, ospita la Triade Capitolina  e materiali epigrafici, statue, suppellettile et similia. Nelle due vigorose missive sottoscritte dall’arch. Margherita Eichberg, Soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale e dal funzionario archeologo dott. Zaccaria Mari, si evidenziano tre grosse criticità in merito alla recente nomina: 1. Il progetto di riallestimento museale, subirebbe un terribile arresto; 2. Verrebbe prevista un’apertura verso il pubblico diversa dalla vocazione della struttura museale; 3. Occorrerebbe nominare figure accessorie al Direttore per sopperire alle carenze scientifiche onde procedere alla normale attività della struttura, risorsa preziosa del territorio.

Il Museo attualmente ospita anche quattro locali-deposito (cui avranno accesso un consegnatario e un sub consegnatario), di cui tre locali con materiali provenienti in larga parte da scavi recenti da schedare, valutare e catalogare, e uno con materiale appena inventariato, pronto per essere esposto in vista di un auspicabile raddoppio della superficie espositiva.

(stralcio dalla pagina facebook del NOTIZIARIO TIBURTINO, 24 novembre 2018)

46521793_2035293073184119_3101568224299319296_n